30 novembre 2021

Il programma 2022 della Commissione UE

Ogni anno la Commissione adotta un programma di lavoro in cui sono elencate le azioni che prevede di realizzare nell’anno successivo. Un documento che informa il Parlamento europeo, il Consiglio UE e i cittadini degli impegni politici in termini di presentazione di nuove iniziative, ritiro di proposte in sospeso e riesame della normativa vigente, soprattutto in un momento come questo di instabilità ed incertezza per gli effetti ancora profondi dell’emergenza sanitaria legata alla pandemia di Covid-19.
Alla fine di ottobre è stato presentato il Programma di lavoro 2022, il quale è stato preparato in stretta collaborazione con gli Stati membri e i comitati consultivi. 
Il programma di lavoro 2022 è definito per sostenere la ripresa dell’Europa post COVID-19, dando priorità alle politiche attuative del Green Deal europeo: la Commissione continuerà ad adoperarsi per fare dell’Europa il primo continente a impatto climatico zero entro il 2050 e per questo proporrà un quadro normativo per la certificazione degli assorbimenti di carbonio. Inoltre, intende adottare ulteriori misure per una mobilità a zero emissioni, sulla base del piano d'azione "inquinamento zero" per migliorare la qualità dell'acqua e dell'aria.  
La Commissione proseguirà inoltre il cammino verso l’obiettivo di realizzare la trasformazione digitale dell'UE entro il 2030 e definirà nel prossimo anno una nuova strategia “Gateway globale” al fine di creare partenariati per la connettività in tutto il mondo per stimolare il commercio e gli investimenti.
Il 2022 sarà l’anno europeo dei giovani e vedrà la prosecuzione e conclusione della Conferenza sul futuro dell’Europa.