11 settembre 2020

Fine del lockdown e salute mentale

Il Dr. Manuel Martín Carrasco, psichiatra e direttore medico presso il centro di salute mentale delle Suore ospedaliere a Navarra (Spagna) ha redatto un articolo molto interessante sull’impatto della pandemia e della fine delle restrizioni alla mobilità e libertà personali sui pazienti con disturbi mentali e sul resto della popolazione.
Il contributo è particolarmente interessante per quel che riguarda l’analisi dello “stress” da isolamento e dei  conseguenti stati di ansia ed inquietudine che hanno colpito molte persone alla fine delle restrizioni ed al lento ritorno a condizioni di normalità. L’autore elabora una serie di raccomandazioni per gestire e superare queste situazioni di turbamento, in particolare facendo riferimento a tre gruppi sociali distinti: i bambini, gli adolescenti e le persone anziane.  
Un altro tema importante trattato nella pubblicazione è la prevenzione della depressione. “L’esperienza di altri disastri ci dice che i disturbi depressivi, insieme ai disturbi d’ansia e al disturbo post-traumatico da stress, sono tra i problemi psichiatrici più comuni in questo tipo di situazioni, anche se è necessario sottolineare anche che la stragrande maggioranza della popolazione supererà le avversità anche grazie alla naturale resilienza degli esseri umani”. In questo senso, il Dr. Carrasco presenta una serie di fattori per identificare il sorgere di un disturbo depressivo, nonché una serie di misure di “auto-cura” per affrontare la depressione in situazioni di crisi sociale.
L’articolo (in spagnolo) è accessibile alla pagina web della Provincia spagnola delle Suore ospedaliere: www.hospitalarias.es